whirlpool:-il-ministro-urso-convochera-la-multinazionale-–-cronache-ancona

Whirlpool: il ministro Urso convocherà la multinazionale – Cronache Ancona

IL MIMIT è pronto «a verificare le intenzioni industriali dell’acquirente» dopo l’annuncio della nascita della nuova società. Il senatore De Poli: «Bene la decisione Governo, l’obiettivo è salvaguardare siti produttivi e posti lavoro»

Print Friendly, PDF & Email

Lo stabilimento Whirlpool di Fabriano (foto d’archivio)

In una nota del Mimit, il ministro delle imprese, Adolfo Urso, ha annunciato l’intenzione di convocare a breve la Whirlpool, dopo l’annuncio di ieri della nuova società fondata dalla multinazionale americana con il gruppo turco Arcelik. Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy spiega nel comunicato di essere pronto «a verificare le intenzioni industriali dell’acquirente con l’obiettivo di salvaguardare le produzioni in Italia e i livelli occupazionali».

Una decisione che incontra il plauso del senatore Antonio De Poli (Udc). «Accogliamo con soddisfazione la notizia della convocazione da parte del Ministro Urso del tavolo sulla Whirlpool che risponde positivamente a una richiesta che avevo fatto al Governo.  Si tratta di una decisione positiva – sottolinea De Poli in una nota – per capire quali siano le reali intenzioni dell’acquirente e soprattutto per salvaguardare i siti produttivi in Italia, tra cui a Fabriano e Comunanza nelle Marche, e mantenere gli attuali livelli occupazionali. Stiamo parlando di una partita importante: sono in gioco, a livello nazionale, 5000 posti di lavoro».

De Poli ha presentato in Senato un’interrogazione parlamentare indirizzata al Ministero delle Imprese e del Made in Italy in cui si chiedeva, fra l’altro, la convocazione di un tavolo sulla Whirlpool. «Abbiamo il dovere di fermare il processo di desertificazione industriale e di concentrare tutti gli sforzi necessari sugli asset produttivi strategici per la nostra economia nazionale» conclude De Poli.

Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *