atti-vandalici-all'ospedale-di-cerignola,-preso-il-colpevole-la-condanna-del-direttore-nigri.

Atti vandalici all'ospedale di Cerignola, preso il colpevole. La condanna del direttore Nigri.

Ospedale di Cerignola: atto vandalico nei locali della Direzione amministrativa. Dal commissario straordinario Nigri l’invito agli operatori a continuare le attività per dare un importante segnale di legalità alla comunità.

Nuovo atto vandalico ai danni del Presidio Ospedaliero di Cerignola.

La notte scorsa un uomo ha forzato uno degli ingressi e si è introdotto nell’area della Direzione Amministrativa di Presidio, al piano terra della struttura.

Una volta all’interno, ha messo a soqquadro diversi locali procurando danni agli arredi. Il rumore ha attirato l’attenzione degli operatori in servizio che hanno allertato la polizia.

Gli agenti sono intervenuti immediatamente ed hanno arrestato l’uomo.

Prontamente è stata sporta denuncia da parte del dirigente responsabile della direzione amministrativa di presidio.

Avvisato dell’accaduto, il commissario straordinario della ASL Foggia Antonio Nigri si è recato immediatamente sul posto stigmatizzando l’ennesimo vandalismo.
Incontrati gli operatori, Nigri li ha invitati a continuare le attività in modo da garantire la continuità dei servizi e dare un importante segnale di legalità e vicinanza alla comunità.

Il commissario straordinario, inoltre, ha informato del fatto il sindaco di Cerignola, Francesco Bonito.

Prosegue, intanto, la conversione progressiva dei CUP aziendali al solo pagamento con moneta elettronica in modo da eliminare la circolazione di contanti.

La Direzione sta infatti valutando l’opportunità di estendere anche agli sportelli del presidio ospedaliero tale misura, già adottata nel CUP del Distretto Socio Sanitario di Cerignola (ubicato nell’ex Ospedale “Tommaso Russo”).

Questo, per la sicurezza degli operatori e degli utenti e a tutela delle strutture aziendali, troppo spesso oggetto di danneggiamenti e vandalismi.

Redazione AssoCareNews.it

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *