violenza-sessuale,-domiciliari-per-un-uomo-40-enne-ad-ancona

Violenza sessuale, domiciliari per un uomo 40 enne ad Ancona

Senigallia, aggressioni e minacce, colpito da divieto di avvicinamento

I Poliziotti della Questura di Ancona ha dato esecuzione alla misura cautelare, disposta dal GIP del locale Tribunale, degli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico a carico di un quarantenne italiano, accusato di violenza sessuale aggravata e lesioni a carico di una donna di circa vent’anni.

Da quanto ricostruito nella fase investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona, la violenza sessuale contestata si colloca all’interno di complessi rapporti personali caratterizzati da profonde implicazioni emotive, che hanno condizionato e, infine, esposto a pericolo la vittima.

La giovane, dopo aver vissuto nell’ultima estate una breve relazione con l’indagato, non aveva accettato la scelta di questi di lasciarla e mettersi con un’altra donna. Ne seguiva un periodo nel quale la ragazza, nel tentativo di riavvicinarsi all’uomo e di compiacerlo, pareva neppure accorgersi, o forse vi passava sopra, delle scuse che quest’ultimo, approfittando della posizione di vantaggio conferitogli dai sentimenti della giovane provati nei suoi confronti, usava per farsi corrispondere somme di denaro. In una particolare circostanza, dopo aver elargito una somma di denaro all’uomo, questo la invitava insistentemente a salire a casa sua e qui, veniva costretta a subire violenze sessuali, nonostante il manifesto dissenso, provocandole ecchimosi alle cosce e alla spalla.

L’attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile permetteva di riscostruire dettagliatamente la dinamica dei fatti ed il pericolo di reiterazione di analoghi reati nei confronti della parte offesa. All’esito della richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica di Ancona di applicazione di adeguata misura cautelare, il Giudice per le Indagini Preliminari disponeva per l’indagato gli arresti domiciliari con applicazione del braccialetto elettronico.

Il Questore di Ancona: “Continua la mattanza domestica che ci restituisce una società incapace di liberare le Donne dal loro inferno privato. La battaglia deve essere affrontata prima di tutto con la Forza della Cultura, che sia cioè più forte dell’indifferenza, dell’intolleranza, dell’ignoranza dettata dal pregiudizio. Il percorso è ancora lungo ma se procediamo insieme ogni giorno, con la stessa intensità, con lo stesso impegno, con lo stesso coinvolgimento emotivo, l’eliminazione della violenza contro le Donne passerà da ambizioso proposito a realtà concreta”

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *