vestiti-di-scuro-e-coperti-in-viso:-e-caccia-alla-banda-di-ladri-che-ha-colpito-all'eurocom-–-cronache-ancona

Vestiti di scuro e coperti in viso: è caccia alla banda di ladri che ha colpito all'Eurocom – Cronache Ancona

MONTEMARCIANO – Proseguono le indagini dei carabinieri della Compagnia di Senigallia che stanno visionando le immagini riprese dal sistema di videosorveglianza dell’azienda e quelle comunali

Print Friendly, PDF & Email

Le auto messe dalla banda a chiudere la strada (Foto: Fabrizio Capilupo)

Una banda di professionisti, che probabilmente non ha lasciato nulla al caso ma, anzi, ha studiato ogni singolo aspetto come fatto 6 mesi prima, quando colpì con la stessa modalità e nello stesso luogo: l’Eurocom di Montemarciano.

All’indomani del colpo messo in atto ieri notte, tra le 4 e le 5, che ha fruttato un bottino ancora da quantificare ma che non sarebbe ingente, forse perché ‘disturbati’ da qualcosa, i carabinieri della Compagnia di Senigallia continuano a lavorare e hanno visionato parte dei filmati ripresi dalle videocamere interne e quelle comunali.

Ad agire sarebbero stati dunque una decina di componenti della banda, vestiti tutti di scuro e con i volti coperti. Una volta entrati dopo aver forzato il cancello dell’azienda, si sono diretti al caveau

I tondini gettati lungo la strada dalla banda (Foto: Fabrizio Capilupo)

riuscendo ad aprire la porta e facendo scattare l’antifurto fumogeno dopodiché, caricata la merce, sono scappati.

Prima di fuggire hanno sistemato, lungo alcune vie in modo tale da chiuderle, 11 auto di cui 10 risultate rubate nella provincia di Ancona e una a Lodi oltre al furgone usato per la fuga e oggetto di furto proprio a Montemarciano, rinvenuto poche ore più tardi dai militari dell’Arma nelle colline senigalliesi.

Le indagini proseguono e non si esclude che si tratti di una banda pendolare che però conosceva bene la zona non solo per il precedente colpo, ma forse anche per ulteriori sopralluoghi effettuati anche di recente. Per questo, si cercheranno indizi utili a ricostruire se vi siano stati movimenti sospetti lungo quelle strade, nei pressi dell’azienda, nell’ultimo periodo.

Colpo alla Eurocom: è lo stesso copione di sei mesi fa

Auto di traverso sotto al ponte e lavatrici per chiudere i passi privati ma il colpo in azienda fallisce

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *