va-nel-locale-per-mangiare-e-bere-gratis-poi-minaccia-con-la-bottiglia-il-titolare:-arrestato-un-25enne-con-precedenti

Va nel locale per mangiare e bere gratis poi minaccia con la bottiglia il titolare: arrestato un 25enne con precedenti

La polizia durante i controlli al Piano (Archivio)

E’ stata una domenica impegnativa per i poliziotti delle Volanti, occupati più volte in alcuni servizi svolti in corso Carlo Alberto, al Piano.
Il primo è stato svolto durante i servizi di controllo disposti dal questore Cesare Capocasa, su indicazione del Prefetto in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, quando un romeno residente ad Ancona è stato notato mentre beveva una birra in bottiglia, seduto su una panchina. I poliziotti gli hanno ricordato l’ordinanza sindacale, in vigore fino al prossimo 30 giugno, circa il divieto di consumo di alcolici da asporto. Lo straniero ha iniziato però a polemizzare, dicendo agli agenti che c’erano cose più importanti di cui occuparsi. L’uomo è stato quindi sanzionato.
Successivamente, intorno alle 17.30, sempre la polizia è intervenuta in una vicina pizzeria-kebab a seguito della chiamata fatta al 112 da parte del titolare.
Un uomo, un nigeriano 25enne con precedenti per ricettazione e non in regola con le norme di soggiorno, era infatti entrato con una bottiglia di birra in mano e una sigaretta in bocca, pretendendo poi di mangiare e bere senza dover pagare. Al ‘no’ dell’esercente, l’africano lo ha minacciato con la bottiglia buttando poi tutta la cenere sul cibo in esposizione sul bancone.
I poliziotti giunti sul posto hanno cercato di farlo riportare alla calma ma il 25enne ha invece tentato di colpirli. Bloccato, è stato arrestato per resistenza.
Questa mattina l’uomo è stato processato per direttissima. Il Gip ha convalidato l’arresto disponendone il rilascio al termine dell’udienza.
Infine, alle 19, sempre i poliziotti sono intervenuti per la segnalazione di una lite tra un uomo e una donna. Giunti sul posto, hanno rintracciato il richiedente, un anconetano di 50 anni, che era intervenuto a tutela di una 30enne bengalese, aggredita dal marito 40enne connazionale, già indagato per maltrattamenti in famiglia e colpito da Ammonimento del questore per fatti analoghi.
I poliziotti si sono subito preoccupati di mettere in sicurezza la donna e la figlia minorenne. L’uomo è stato successivamente allontanato d’urgenza dalla casa familiare, come disposto dal Pm di turno Andrea Laurino.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.