ucraina-papa-francesco-su-invio-armi.-“difendersi-e-non-solo-lecito,-ma-espressione-d'-amore-per-la-patria”-–-agenpress

Ucraina. Papa Francesco su invio armi. “Difendersi è non solo lecito, ma espressione d' amore per la patria” – Agenpress

AgenPress –  “Questa è una decisione politica, che può essere morale, cioè moralmente accettata se si fa con le condizioni di moralità”. Così ha risposto il Papa in aereo alla domanda se sia giusto inviare armi all’Ucraina. “Ma può essere immorale se viene fatta con l’intenzione di provocare più guerra, o di vendere le armi o scartare quelle che a me non servono più. La motivazione è quella che in gran parte qualifica la moralità di questo atto. Difendersi è non solo lecito, è anche un’espressione di amore alla patria”.

“Chi non si difende, chi non difende qualcosa non la ama. Invece chi difende ama”, ha proseguito Francesco, secondo cui “si dovrebbe riflettere ancora di più sul concetto di guerra giusta, perché tutti oggi parlano di pace, da tanti anni le Nazioni Unite parlano di pace, fanno tante cose di pace. Ma in questo momento quante guerre sono in corso?”. E ha elencato: “Ucraina e Russia, poi adesso Azerbaigian e Armenia, si è fermata un po’ perché è uscita la Russia come garante, ma fa il garante qui e la guerra lì, poi c’è la Siria, dieci anni di guerra che non si ferma. Poi c’è il Corno d’Africa, l’Eritrea, che è parte dell’Etiopia, poi c’è il Myanmar, e questo popolo sofferente che io amo tanto, i Rohingya, che gira, gira, gira come uno zingaro e non trova un posto”. “Ma stiamo un una guerra mondiale!”, ha esclamato il Pontefice, sostenendo che “la guerra in sé stessa è un errore, e noi in questo momento stiamo respirando quest’aria, se non c’è guerra sembra che non c’è vita”.

“Credo che sia sempre difficile capire il dialogo con gli Stati che hanno incominciato la guerra, e sembra che il primo passo è stato da lì, da quella parte. È difficile ma non dobbiamo scartarlo, dobbiamo dare l’opportunità del dialogo a tutti, a tutti! Perché sempre c’è la possibilità che nel dialogo si possano cambiare le cose, e anche offrire un altro punto di vista, un altro punto di considerazione. Io non escludo il dialogo con qualsiasi potenza, che sia in guerra, che sia l’aggressore… delle volte il dialogo si deve fare così, ma si deve fare, “puzza” ma si deve fare.

Related Posts