thailandia-si-veste-come-la-regina.-attivista-condannata-a-due-anni-di-carcere-per-“lesa-maesta”-–-agenpress

Thailandia. Si veste come la regina. Attivista condannata a due anni di carcere per “lesa maestà” – Agenpress

AgenPress – Un’attivista in Thailandia è stata condannata a due anni di carcere  dopo che un tribunale ha scoperto di aver insultato la monarchia vestendosi come la regina thailandese Suthida Tidjai.

Jatuporn “New” Saeoueng, 25 anni, ha indossato un abito rosa durante una manifestazione politica a Bangkok nel 2020.

Ha negato l’accusa di insulto reale, dicendo di aver appena indossato un abito tradizionale.

Ma la Thailandia ha leggi notoriamente severe che vietano efficacemente le critiche al re e ad altri reali.

Da quando re Maha Vajiralongkorn è salito al trono nel 2019, i gruppi per i diritti umani affermano che le autorità hanno esercitato sempre più leggi sulla lesa maestà per reprimere un movimento di protesta che aveva chiesto la riforma della potente monarchia.

Da novembre 2020, almeno 210 manifestanti sono stati accusati di reati di lesa maestà, dopo un periodo di tre anni in cui la legge non è stata applicata affatto, affermano i gruppi legali thailandesi.

I gruppi per i diritti umani hanno fortemente criticato la condanna.   Jaturpon aveva partecipato alla protesta nel 2020 come artista vestita con un abito formale di seta rosa, dove ha camminato su un tappeto rosso accompagnata da un inserviente che le teneva un ombrello sopra la testa.

La moglie del re, la regina Suthida, indossa spesso abiti formali di seta per eventi pubblici. Anche i reali thailandesi hanno spesso assistenti che si librano su di loro con ombrelloni durante cerimonie e altri eventi.

Jatuporn ha dichiarato in un’intervista pubblicata prima della sentenza del tribunale: “Non ho intenzione di deridere nessuno. Mi sono vestito da solo quel giorno, per una versione di me stesso con un abito tradizionale thailandese”.

La protesta sul tappeto rosso – una delle tante critiche di quell’anno nei confronti della monarchia e della sua influenza sul governo militare – era stata organizzata la stessa settimana di una sfilata di moda tenuta da una delle figlie di re Vajiralongkorn.

“La finta sfilata di moda è stata una versione satirica della situazione politica del paese, un evento pubblico pacifico simile a un festival di strada”, ha affermato un portavoce di Amnesty International.

“I partecipanti non dovrebbero essere puniti per aver partecipato a un’assemblea pacifica”.

L’anno scorso, un ex funzionario pubblico ritenuto critico nei confronti dei reali sui social media è stato condannato a 43 anni di carcere.

Il palazzo non ha commentato nessuno di questi casi di lesa maestà.

Il movimento di protesta aveva inizialmente preso di mira il governo sostenuto dai militari, guidato dall’ex leader della giunta che ha preso il potere da un governo civile democraticamente eletto con un colpo di stato nel 2014.

Tuttavia le sue critiche si sono poi ampliate per includere il nuovo re e la famiglia reale.

Il movimento ha infranto un tabù sulla critica alla monarchia, sebbene i leader della protesta siano stati attenti a chiedere modifiche all’istituzione, non la sua abolizione.

Related Posts