polizia

Dall’inizio della stagione una importante attività di prevenzione e coordinamento è stata curata da parte della Questura in relazione alle diverse problematiche, da più parti segnalate, connesse ai rilevanti ed affollanti eventi organizzati presso il locale da ballo Mamamia. In questo ambito il Questore di Ancona, unitamente all’Amministrazione comunale, interessando direttamente i gestori dell’attività hanno ottenuto l’introduzione di importanti misure dirette a rendere quanto più sicuro il divertimento dei giovani che frequentano il locale.

In particolare, è stato previsto il divieto di sosta su tutta la via Fiorini e strada della Bruciata, in entrambi i sensi di marcia,- evitando in tal modo le presenza di veicoli che poteva essere fonte di pericolo andando ad occupare la sede stradale, la realizzazione di un corridoio di transito in sicurezza sulla via Fiorini diretto al locale ove è altresì previsto l’implementazione dell’illuminazione pubblica, l’impiego all’esterno ed all’interno del locale di personale addetto alla sicurezza regolarmente iscritto nell’elenco prefettizio degli addetti ai servizi di controllo per un pronto ed efficace intervento per qualunque episodio possa determinare pericolo all’incolumità degli avventori.

Inoltre, si è ottenuta l’implementazione del sistema di videosorveglianza sia interno che esterno, potendo aver chiaro quello che accade nell’area, e la collocazione di pannelli fonoassorbenti per la limitazione della diffusione del suono.

Tali misure allo stato hanno consentito di limitare al massimo interventi del personale di polizia per fatti reati e problematiche di ordine pubblico e gli episodi che si sono verificati hanno visto un primo tempestivo intervento da parte del personale della sicurezza cui ha fatto un immediato intervento delle forze di polizia che, ad oggi, ha consentito di aver piena contezza di tutti i fatti accaduti e di aver individuato tutti i soggetti responsabili di alcuni episodi che sono stati prontamente deferiti all’autorità giudiziaria.

Per essi si è altresì proceduto, da parte del Questore di Ancona, all’applicazione della efficace misura di prevenzione del divieto di accesso agli esercizi pubblici, cd. Dacur o Daspo Willy, per una durata di tempo variabile in relazione alla gravità del fatto, impedendo a questi soggetti di frequentare il locale e , dunque, di creare ulteriori problemi di sicurezza pubblica.