mutui,-l'aumento-dei-tassi-della-bce-fa-aumentare-le-rate.-conseguenze-per-famiglie-e-imprese-–-riviera-oggi

Mutui, l'aumento dei tassi della BCE fa aumentare le rate. Conseguenze per famiglie e imprese – Riviera Oggi

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Preso atto dell’inflazione al 9,1%, percentuale record, la BCE ha deciso di rialzare i tassi di interesse di 0,75 punti base, tentando di abbassare un valore tra i più alti di sempre in Eurozona. Le conseguenze, tuttavia, andranno a colpire famiglie e imprese, che vedranno aumentare le rate dei loro mutui. Fino a 500 euro in più all’anno per chi ha già un mutuo a tasso variabile, rate maggiorate di 100 euro per chi accende in questo momento un mutuo a tasso fisso.

La situazione economica del Paese dovrà per forza fare i conti con queste dinamiche, poiché renderà più complesso l’esaudimento delle richieste di prestiti alle banche. Inoltre, l’ulteriore aumento previsto del costo del denaro in autunno renderà ancor più salate le rate mensili per gli utenti.

In molti stanno scoprendo in questo momento anche il cosiddetto “variabile con cap”, un mutuo a tasso variabile con una cifra-soglia, il cap, oltre la quale la rata non verrebbe colpita da ulteriori rialzi: difficile capire quale sia la scelta migliore, in un periodo come questo. L’Euribor a 1 mese, parametro di riferimento per i mutui a tasso variabile, è salito in otto mesi da -0,58 a +0,38: incremento notevole, ma imparagonabile all’Irs riferito ai mutui a tasso fisso della durata di 10 anni, passato da +0,35 a +2,51.

Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.