medici-in-fuga,-aumento-esponenziale-delle-dimissioni-rischi-per-infermieri-e-professionisti-sanitari.

Medici in fuga, aumento esponenziale delle dimissioni. Rischi per Infermieri e Professionisti Sanitari.

Medici in fuga: non si arresta l’ondata di dimissioni volontarie da parte dei camici bianchi.

Il fenomeno è diffuso in tutto lo stivale e ci sono casi piuttosto eclatanti. Il prossimo sarà quello dell’ospedale di Terni, dove è il sindacato UIL a dare l’allarme.

“Almeno dieci professionisti lasceranno il Santa Maria e, probabilmente, la motivazione sta tutta che, ormai, non dà più garanzie per il loro futuro” sostiene Mauro Candelori, Uil Fp, che argomenta “I reparti più penalizzati da queste uscite potrebbero essere l’ostetricia, l’area medica e quella chirurgica”.

Dimissioni quasi in blocco, quindi, che rendono ancor più instabile una situazione vacillante, come spiegano dal sindacato “Paghiamo lo scotto di una programmazione locale che non c’è”. Al Santa Maria mancano anche i primari: sono ben 12 i reparti che vanno avanti con incarichi di facente funzione.

La situazione ternana è solo una delle molte realtà in cui il personale medico ha deciso ho sta per decidere di intraprendere nuove vie.

I rischi che nascono da un corpo medico numericamente insufficiente o svuotato dell’esperienza dei dottori più navigati ricadono sui pazienti ma anche su infermieri e professionisti sanitari.

I quali rischiano di invischiarsi in casi legali dovuti a errori che nascono da queste dinamiche.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.