macerata,-insulta-la-titolare-di-un-locale-e-prende-a-schiaffi-un-cliente-–-centropagina

Macerata, insulta la titolare di un locale e prende a schiaffi un cliente – CentroPagina

MACERATA – Insulta la titolare di un locale che si era rifiutata di servirgli alcolici e colpisce con uno schiaffo un avventore. Interviene la polizia. È accaduto sabato notte intorno alle 2 in un locale in piazza Mazzini, dove era stata segnalata la presenza di un uomo molesto e ubriaco. L’uomo, un 20enne albanese, visibilmente ubriaco, aveva iniziato ad insultare e molestare il personale del locale e aveva anche colpito con uno schiaffo un cliente, che era intervenuto per calmarlo ed accompagnarlo fuori. È stato sanzionato poiché sorpreso in stato di ebrezza in luogo pubblico.

Domenica, intorno alle 17.30, i poliziotti di una pattuglia hanno controllato il parcheggio sottostante la sala operativa della Protezione Civile, in via Galileo Galilei: luogo considerato a rischio per quanto riguarda lo spaccio e il consumo di sostanza stupefacente. Fermati due uomini che sembravano particolarmente nervosi, senza apparente motivo, alla vista degli agenti. Entrambi sono stati sottoposti a perquisizione. Su uno dei due, un giovane di 19 anni residente in provincia, sono stati rinvenuti alcuni grammi di hashish mentre sull’altro, un uomo di 44 anni residente in provincia, sono stati rinvenuti 11 grammi circa di hashish e alcuni grammi di marijuana. Nel portamonete del 44enne, gli agenti hanno trovato altri grammi di hashish. Il quarantaquattrenne è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, mentre il 19enne è stato segnalato alla locale Prefettura quale assuntore di droga.

Infine, l’Ufficio Immigrazione ha provveduto all’espulsione di un cittadino di 31 anni di origini albanesi, procedendo al suo accompagnamento in Albania. Era stato fermato nel corso di un controllo dai carabinieri della stazione di Porto Potenza.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *