litiga-con-la-madre-e-non-la-trova-piu:-rintracciata-dalla-polizia-–-cronache-ancona

Litiga con la madre e non la trova più: rintracciata dalla polizia – Cronache Ancona

ANCONA – La donna stava rincasando con il treno quando è stata contattata dagli agenti in servizio nella Sala Operativa

Print Friendly, PDF & Email

Una Volante della polizia in servizio (Archivio)

Aveva litigato al telefono con la madre nel pomeriggio di ieri dopodiché lei non si è fatta più sentire facendo perdere le proprie tracce.

Il giovane, un 23enne romeno, preoccupato, trascorse alcune ore si è quindi rivolto alla polizia soprattutto dopo aver svolto lui stesso una serie di ricerche anche presso un parcheggio lungo la Flaminia, in considerazione del fatto che la madre era solita lasciare lì la propria auto per poi recarsi nella vicina spiaggia. Qui, aveva successivamente trovato effettivamente l’auto in sosta.

Sul posto sono quindi arrivati i poliziotti che hanno constatato che insieme al 23enne vi era anche un altro ragazzo, un anconetano di 20 anni e con precedenti penali.

Gli agenti si sono poi accorti che l’auto aveva il finestrino posteriore sinistro infranto. Il 23enne ha giustificato la cosa dicendo che, non avendo il doppione della chiave del mezzo, aveva pensato di rompere il vetro per cercare degli effetti personali della madre o qualcosa che comunque potesse aiutarlo a capire dove fosse.

Dopo una serie di ricerche, la Sala Operativa ha informato gli agenti intervenuti sul posto, che la donna era da poco arrivata alla stazione ferroviaria di Ancona e che, rintracciata, aveva dichiarato che si sarebbe recata al parcheggio per riunirsi al figlio.

Raggiunta la Volante, ha riferito di aver avuto un litigio con il 23enne per motivi economici e che successivamente se ne era andata a Marotta per seguire un corso, motivo per cui non rispondeva alle chiamate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.