jesi-e-jacopo-fo-nel-segno-di-federico-ii.-«perche-non-qui-un-parco-del-medioevo?»-–-centropagina

Jesi e Jacopo Fo nel segno di Federico II. «Perché non qui un parco del Medioevo?» – CentroPagina

JESI – Una collaborazione fra il Comune di Jesi e Jacopo Fo nel segno della figura di Federico II e dell’età medievale. L’idea l’ha portata ieri in Municipio l’artista, scrittore e uomo di spettacolo, figlio del Premio Nobel Dario e di Franca Rame, che tanto nei loro spettacoli hanno trattato, re-inventato, immaginato e probabilmente fatto conoscere la vita comunale al tempo del Medioevo.

Ad accogliere Fo, che era accompagnato da Sandro Sbarbati, ex sindaco di Monsano dove l’artista è stato ospite del Festival del Buonsenso, il sindaco di Jesi Lorenzo Fiordelmondo e l’assessore al turismo Alessandro Tesei.

Ha detto Fo: «Di per sé la storia della madre di Federico II, Costanza d’Altavilla, che partorisce prima del previsto e lo fa in pubblico, in piazza, davanti a 50 nobildonne per garantire che sia proprio suo il figlio che sta nascendo, è già teatro, già rappresentazione. Formidabile. Può essere trainante. Perché non creare a Jesi, unica in Italia, una struttura permanente dove “vivere” il Medioevo? Col legame speciale che ha con la figura di Federico II e il richiamo in particolare per la Germania, ne sarebbe sede ideale. Nel nord Europa, in Spagna, in Francia, sono diffusi parchi storici in cui si ricostruiscono attività e stili di vita di altre epoche, si accede vestendo persino gli abiti del periodo che si descrive. Un parco del genere non c’è in Italia e a Jesi potrebbe raccogliere opportunità turistiche, economiche, di studio e culturali. Coinvolgendo artigiani e professionalità locali anche nel ricostruire lavorazioni e prodotti, il Pergolesi nell’approfondire la conoscenza della musica del Medioevo, tutte le realtà associative e della cultura del territorio. Un’idea che sono pronto ad approfondire».

E si dice pronto a farlo anche Fiordelmondo: «Idea che accolgo con interesse, ogni iniziativa per la valorizzazione della figura di Federico II con una visione culturale importante ci trova pronti a ragionarne insieme. Perché non cominciare da un appuntamento per la ricorrenza della nascita in piazza di Federico II, il 26 dicembre prossimo?».

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.