il-rispetto-del-paziente-e-finito-nei-premi-di-produzione-di-certi-dirigenti?

Il rispetto del Paziente è finito nei premi di produzione di certi dirigenti?

Gentile Direttore,

probabilmente il rispetto del paziente è andato a finire nei premi di produzione dei dirigenti della sanità, i cui introiti continuano a varcare certe soglie inimmaginabili e nonostante i tagli continuano in controtendenza a lievitare.

E ciò a mio avviso a danno di chi deve continuare a dare il 200%, sempre con uno stipendio, non solo inadeguato, ma perfino offensivo fino a risultare anche umiliante, quando dopo anni vengono concessi aumenti microscopici a cui non riescono nemmeno a corrispondere gli arretrati.

Si continua a raschiare il fondo di un barile per continuare a ingozzare il summit di un sistema piramidale che scricchiola sempre di più tagliando le gambe alle pedine più in basso, quelle che dovrebbero reggere il sistema, ma che ormai sono al limite del tracollo.

E se il mio discorso è puramente d’occasione senza punti di riferimento precisi, privo di segnalazioni o elementi certi è solo perché la verità è cosi lampante ed agli occhi di un’intera nazione che chi non dovesse avere la medesima opinione in merito sarebbe solo un elemento di parte.

Buon lavoro.

Maurizio Isernia, lettore

_____________________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a [email protected]
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AsssoCareNews.itLINK

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a [email protected]
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AsssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

Redazione AssoCareNews.it

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *