due-passi-nel-quartiere-del-piano-tra-rifiuti-gettati-ovunque-e-riparazioni-‘fai-da-te’

Due passi nel quartiere del Piano tra rifiuti gettati ovunque e riparazioni ‘fai da te’

Il cestino utilizzato nonostante sia fuori uso

Passeggiare per il Piano tra il degrado quotidiano.
Sono diverse le segnalazioni giunte al Whatsapp di Cronache Ancona (333.1805353) per documentare quella che viene considerata, purtroppo, una quotidianità.
Si inizia venendo dalla stazione ferroviaria e imboccando via Giordano Bruno dove all’interno di un piccolo cantiere recintato, si trova sfortunatamente un cestino per i rifiuti che nonostante sia stato coperto continua a ricevere di tutto. L’immondizia, consistente in bottiglie, lattine varie e anche una ciabatta, viene lanciata in stile palla da basket. Finendo poi a terra.
Proseguendo per piazzale Medaglie d’Oro non si può fare invece a meno di incontrare il solito rifiuto ingombrante gettato vicino a Igenio. In questo caso si tratta dell’ennesimo materasso usato di cui ci si vuole disfare in maniera sbrigativa. Stessa

La scala ‘rattoppata’

cosa avviene come al solito nel tratto di via Fiorini, nei pressi delle scalette che conducono in via Marconi. Qui, c’è l’occorrente per arredare un’altra stanza di casa: il bagno. A terra questa volta si trova uno specchio. Essendoci pure un piccolo frigorifero, si potrebbe completare pure la cucina.
Si tratta di rifiuti che rimangono buttati in strada anche per una settimana abbondante, quando potrebbero essere ritirati con il servizio gratuito di Anconambiente valido proprio per gli ingombranti.
Proseguendo e prendendo le scalette che da via Ragnini conducono in corso Carlo Alberto, ecco che all’occhio salta subito un sacco di sabbia arancione, appoggiato su un gradino per sostituire la parte rotta e lì da ormai quasi un anno. Probabilmente, vien da pensare, il sacco è stato ‘rubato’ da qualche residente per una riparazione ‘fai da te’.
Fatte le scale, ci si trova di nuovo in mezzo all’immondizia che questa volta occupa parte del marciapiede perché messa a terra anziché all’interno dei cassonetti.
Dirigendosi verso piazza Ugo Bassi, nei pressi di un supermercato, all’esterno vi è un altro mobiletto mentre il cestino dei rifiuti viene scambiato per un cassonetto, riempito fino all’orlo da sacchetti della spazzatura.
Il giro si conclude poco dopo aver superato la chiesa dei Salesiani dove, in una via parallela al corso, ecco nuovi rifiuti gettati anche in questo caso in maniera caotica. Tra questi vi è pure una sedia, nel caso si volesse arredare pure la stanza dello studiolo.
Tutto ciò è un peccato per un rione che da sempre è considerato un ‘centro commerciale a cielo aperto’ proprio grazie alle sue peculiarità avendo una grande varietà di negozi, supermercati, un cinema, locali, il capolinea degli autobus, il mercato quotidiano di piazza d’Armi e molto, molto altro.

Redazione CA

La scala ‘rattoppata’

Rifiuti abbandonati

Rifiuti abbandonati

Il cestino utilizzato nonostante sia fuori uso

Il cestino utilizzato nonostante sia fuori uso

Rifiuti abbandonati

Rifiuti abbandonati

Rifiuti abbandonati

Rifiuti abbandonati

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.