concorso-psicologi-roma:-la-regione-lazio-continua-a-zittire-sugli-idonei.

Concorso Psicologi Roma: la Regione Lazio continua a zittire sugli idonei.

Buongiorno,

siamo a segnalare una situazione che potenzialmente potrebbe generare danno sia ai singoli che alla comunità tutta.

Durante la pandemia viene indetto un concorso per l’assunzione di 33 psicologi dall’ASL RM2, per le esigenze delle ASL RM1-2-3-4-5-6 e per tutte le altre esigenze, espletiamo il concorso e ne risultano 750 idonei. L’ultima prova viene espletata nell’estate del 2021, con tanto ritardo, mentre parallelamente ed incomprensibilmente prima che venga pubblicata questa graduatoria, viene indetto un secondo concorso da parte dell’ASL RM5 per l’assunzione di 36 psicologi, la cui graduatoria viene pubblicata prima della pubblicazione della graduatoria ASL RM2, pur essendo tale concorso indetto prima e concluso prima. Dal concorso ASL RM5 risultano circa 400 idonei.

Viene inoltre espletato un concorso a Rieti che vedi l’idoneità di circa 50 persone.

Solo dopo vari solleciti ed un procedimento presso il TAR si vede la pubblicazione della graduatoria ASL RM2, a quel punto la Regione emette altro provvedimento subordinando l’assunzione degli idonei dell’ASL RM2 allo scorrimento completo della graduatoria Asl RM5, anche tale atto viene impugnato e la regione stabilisce i criteri per cui per le ASL Aggregate 1-2-3, si attinge alla graduatoria Asl RM2, mentre per le Asl aggregate 4-5-6, si attinge alla graduatoria Asl RM5. Tali criteri non hanno fondamento giuridico, né sono contenuti in nessuna determina dirigenziale, o altro provvedimento amministrativo.

A questo punto le graduatorie cominciano a scorrere, ma per l’Asl RM2 si scorre di soli 90 posti, mentre per l’ASL RM5 di 150, in tutto ciò è pendente un ricorso, perché l’ASL RM1 ha attinto alla graduatoria Asl RM5.

Durante la pandemia si sono attivate a tempo determinato con procedure selettive molto semplici ed in alcuni casi poco trasparenti, tali contratti regolarmente vengono prorogati con il velato intento di arrivare alla stabilizzazione tramite norma Madia, che permette dopo un periodo di tempo di lavoro presso la pubblica amministrazione di accedere alla stabilizzazione.

Vorremmo inoltre segnalare come per il conteggio degli anni necessari alla stabilizzazione, tre anni, vengono conteggiati anche periodi ci collaborazione a partita IVA anche molto risalenti, di fatto ci sembra di intuire che in alcuni casi, si cerchi di favorire categorie o persone specifiche a dispetto di pubblici concorsi, che ai sensi dell’art.97 della nostra Costituzione, sono gli unici mezzi per poter lavorare nel pubblico impiego, alcuni fatti agli onori della cronaca crediamo rappresentino solo la punta d’iceberg di una modalità poco trasparente di regolazione della pubbliche assunzioni presso le ASL.

Chiediamo che le autorità competenti approfondiscano gli aspetti che emergono dalle vicende poco sopra descritte, alleghiamo a tal riguardo alcuni documenti pubblici che possono circostanziare i fatti.

Qui di seguito i link di alcuni giornali che hanno parlato della nostra storia:

Psicologi Lazio, Bruognolo (Lega): “Regione faccia chiarezza sulla mancata assunzione degli idonei”

Psicologi, il concorso c’è ma la Regione non assume. Pressing delle opposizioni su D’Amato 

Altro LINK

In allegato l’ultimo accordo firmato dalle organizzazioni sindacali e dall’assessorato alla sanità della Regione Lazio in cui prorogano i tempi determinati nonostante ci siano graduatorie attive e utilizzabili.

Noi come Comitato 750 dirigenti psicologi siamo pronti ad agire su tutti fronti sia legali (già attivati) che di sensibilizzazione mediatica.

Qualora aveste necessità di altro materiale per approfondire la questione noi lo abbiamo.

Certi di una vostra collaborazione vi inviamo cari saluti.

Comitato 750 dirigenti psicologi ASL RM2 (1-3-4-5-6)

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *