compie-100-anni-assunta-palazzo:-lavoratrice,-mamma-e-nonna-il-brindisi-con-il-sindaco-–-cronache-ancona

Compie 100 anni Assunta Palazzo: lavoratrice, mamma e nonna Il brindisi con il sindaco – Cronache Ancona

SIROLO – Grande festa per la centenaria che ha ricevuto la pergamena e gli auguri di tutta la comunità da Filippo Moschella

Print Friendly, PDF & Email

Assunta Palazzo riceve la pergamena per i suoi 100 anni dal sindaco Filippo Moschella

Assunta Palazzo taglia il traguardo dei 100 anni e riceve gli auguri del sindaco di Sirolo. Filippo Moschella si è recato personalmente a casa della festeggiata per farle un caloroso augurio in occasione del suo 100esimo compleanno a nome proprio e di tutti i concittadini sirolesi. Assunta ha raccontato al sindaco che ha vissuto sempre a Sirolo, lavorando fin da minorenne nella fabbrica di fisarmoniche di Numana, dove si recava tutti i giorni a piedi con passo spedito e sicuro. E’ sempre stata addetta alla realizzazione del mantice, la parte più sensibile e delicata dei famosi strumenti musicali esportati in tutto il mondo. Quando non poteva andare al lavoro realizzava i preziosi mantici a casa, mentre i figli Massimo e Paola giocavano nei terreni agricoli attigui alla casa di via Sant’Antonio, dove vive ancora oggi.

«Sono rimasto colpito dalla serenità d’animo e dalla viva curiosità di Assunta – racconta il sindaco Moschella – che per più di un’ora mi ha raccontato con chiarezza alcuni eventi della sua lunga vita, alla presenza dei figli e delle tre nipoti Laura, Sofia e Gloria». Assunta, dopo aver ricevuto la pergamena donata dal sindaco, ha partecipato con gioia al brindisi in suo onore, spegnendo personalmente le candeline della torta. «Sono arrivati a 10 gli ultracentenari sirolesi, di cui 2 uomini e 8 donne, che provano oggettivamente – sottolinea il sindaco Moschella – l’elevata qualità della vita nel Comune di Sirolo, in cui è ancora possibile trovare cibo locale eccelso e aria buona a contatto con la natura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *