cessate-il-fuoco-tra-armenia-e-azerbaigian.-accuse-tra-i-due-paesi-dei-violenti-scontri-–-agenpress

Cessate il fuoco tra Armenia e Azerbaigian. Accuse tra i due paesi dei violenti scontri – Agenpress

AgenPress – Un cessate il fuoco tra Armenia e Azerbaigian tenutosi giovedì dopo due giorni di combattimenti che hanno ucciso 176 soldati di entrambe le parti.

Armen Grigoryan, segretario del Consiglio di sicurezza dell’Armenia, ha affermato che la tregua mediata grazie alla mediazione internazionale è entrata in vigore mercoledì alle 20:00. Un precedente cessate il fuoco mediato dalla Russia martedì era rapidamente fallito.

I due paesi si sono accusati  davanti al Consiglio di Sicurezza Onu di essere responsabili dei violenti scontri  mentre le Nazioni Unite, senza un osservatore sul campo, hanno affermato di non essere in grado di verificare le loro affermazioni. “Questa aggressione è la risposta dell’Azerbaigian agli sforzi di mediazione della comunità internazionale”, ha denunciato l’ambasciatore armeno al Palazzo di Vetro, Mher Margaryan, ritenendo che con questi “atti di aggressione” Baku abbia “scelto una soluzione militare al conflitto”.

“Stiamo ricevendo informazioni che il fragile cessate il fuoco è minacciato”, ha aggiunto, accusando l’Azerbaigian di “preparare una nuova offensiva militare”. Il delegato dell’Azerbaigian Yashar Teymuroglu Aliyev, da parte sua, ha respinto le accuse dell’Armenia, affermando che al contrario il Paese vuole “silurare il fragile processo di normalizzazione postbellico”. Queste accuse basate su “invenzioni, distorsioni e inganni – ha proseguito – mostrano che l’Armenia è ben lontana dal rispettare i suoi obblighi internazionali”.

Giovedì il ministero della Difesa armeno ha dichiarato che la situazione al confine con l’Azerbaigian è tranquilla da quando è iniziato il cessate il fuoco e non sono state segnalate violazioni. Non ci sono stati commenti immediati dall’Azerbaigian.

La dichiarazione di cessate il fuoco ha fatto seguito a due giorni di pesanti combattimenti che hanno segnato il più grande scoppio di ostilità in quasi due anni.

Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha dichiarato mercoledì che 105 soldati del suo paese sono stati uccisi da quando sono scoppiati i combattimenti martedì, mentre il ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha detto giovedì di aver perso 71.

I paesi dell’ex Unione Sovietica sono stati bloccati in un conflitto decennale sul Nagorno-Karabakh, che fa parte dell’Azerbaigian ma è stato sotto il controllo delle forze etniche armene sostenute dall’Armenia da quando una guerra separatista si è conclusa nel 1994.

L’ambasciatore russo delle Nazioni Unite Vassily Nebenzia ha dichiarato a una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che Mosca si aspetta che l’Armenia e l’Azerbaigian rispettino tutti gli accordi del cessate il fuoco.

La questione dell’abbassamento delle tensioni è stata discussa nelle telefonate tra il presidente russo Vladimir Putin e il presidente armeno Pashinyan, ha affermato Nebenzia, nonché dai ministri degli Esteri di Russia, Armenia e Azerbaigian, e dai ministri della Difesa di Russia e Armenia.

“Siamo in stretto contatto con entrambi i paesi per arrivare a un cessate il fuoco sostenibile e al ritorno dei militari azeri e armeni alle loro posizioni di origine”, ha affermato l’ambasciatore russo.

Nebenzia ha detto che si aspetta che Putin e il presidente azero Ilham Aliyev si incontrino a margine del vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai nella città uzbeka di Samarcanda, che si è svolto giovedì e venerdì.

L’ambasciatore russo ha affermato che il raggiungimento di un cessate il fuoco sostenibile e il ritorno dell’esercito di entrambi i paesi alle posizioni precedenti è stato discusso martedì anche in una sessione straordinaria dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva, un’alleanza militare di sei stati post-sovietici. Ha deciso di inviare una missione in Armenia per studiare la situazione al confine.

Durante una guerra di sei settimane nel 2020, l’Azerbaigian ha rivendicato ampie zone del Nagorno-Karabakh e dei territori adiacenti detenuti dalle forze armene. Più di 6.700 persone sono morte nei combattimenti, che si sono conclusi con un accordo di pace mediato dalla Russia. Mosca ha schierato circa 2.000 soldati nella regione per servire come forze di pace nell’ambito dell’accordo.

Pashinyan ha affermato che il suo governo ha chiesto alla Russia supporto militare durante gli ultimi combattimenti nell’ambito di un trattato di amicizia e ha anche chiesto assistenza all’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva, dominata da Mosca.

La richiesta di aiuto di Yerevan ha messo il Cremlino in una posizione precaria poiché ha cercato di mantenere strette relazioni con l’Armenia, che ospita una base militare russa, e anche di sviluppare cordiali legami con l’Azerbaigian, ricco di energia.

Mercoledì, Pashinyan ha detto ai legislatori che l’Armenia è pronta a riconoscere l’integrità territoriale dell’Azerbaigian in un futuro trattato di pace, a condizione che rinunci al controllo delle aree in Armenia che le sue forze hanno sequestrato.

“Vogliamo firmare un documento, per il quale molte persone ci criticheranno, ci denunceranno e ci chiameranno traditori, e potrebbero anche decidere di rimuoverci dall’incarico, ma saremmo grati se l’Armenia ottenesse una pace e una sicurezza durature grazie a esso”, ha detto Pashinyan.

Alcuni dell’opposizione hanno visto la dichiarazione come un segno della disponibilità di Pashinyan a cedere alle richieste dell’Azerbaigian e riconoscere la sovranità dell’Azerbaigian sul Nagorno-Karabakh. Migliaia di manifestanti arrabbiati sono rapidamente scesi sul quartier generale del governo, accusando Pashinyan di tradimento e chiedendogli di dimettersi. Le proteste si sono svolte anche in altre città armene.

Related Posts