caro-gasolio,-continua-la-protesta:-pescatori-bloccano-i-tir-acquaroli:-«serve-impegno-del-governo»

Caro gasolio, continua la protesta: pescatori bloccano i tir Acquaroli: «Serve impegno del Governo»

Acquaroli e Carloni in assemblea

 

Non si arresta la protesta della marineria dorica, in sciopero contro il caro gasolio. Questa mattina, fino alle 4, è stato impedito ai tir di scaricare il pesce d’importazione. Il blocco dei tir in via Mattei è andato avanti per diverse ore, poi i pescatori hanno consentito lo scarico delle merci già ordinate e il presidio è stato tolto. Questo pomeriggio, la riunione con l’assessore Mirco Carloni e il governatore Acquaroli.

«Il rischio è quello di desertificare un intero settore produttivo. Senza un massiccio intervento del Governo nazionale, l’intera filiera ittica è a rischio» ha detto Acquaroli che, nel tardo pomeriggio odierno, ha incontrato gli operatori della pesca presso la Cooperativa pescatori al porto di Ancona, sul tema del caro gasolio. Le Marche sono l’unica regione italiana ad aver destinato risorse proprie per fronteggiare la questione.

«Abbiamo messo subito a disposizione mezzo milione di euro – ha precisato il vicepresidente Mirco Carloni, assessore alla pesca – che saranno autorizzati nel prossimo Consiglio regionale e appena possibile, insieme a voi e concertando con le categorie, metteremo a terra il bando per destinarli alle attività ittiche più in difficoltà. Le risorse regionali da sole sono insufficienti a fronteggiare la criticità ma, unica Regione in Italia, abbiamo voluto dare un segnale alla categoria». Carloni ha anche anticipato che, presiedendo le Marche la Commissione attività produttive della Conferenza delle Regioni, chiederà al Governo un’audizione per individuare soluzioni definitive.

«Il Governo regionale è al vostro fianco – ha assicurato Acquaroli – Il mezzo milione stanziato è un segnale, un piccolo aiuto che però non può risolvere un problema innescato dalla speculazione, come asseriscono tutte le istituzioni. Chiediamo al Governo una risposta immediata e definitiva per contrastare il caro gasolio. Il tema dell’economia del mare, nel nostro paese, è dirimente, perché l’Italia è una penisola. Senza interventi strutturali, il settore non può uscire da questa grave crisi. La capacità produttiva e competitiva nazionale è messa in discussione perché dall’altra parte dell’Adriatico c’è un sistema produttivo che opera in condizioni più favorevoli. Non è ammissibile».

Anche secondo Carloni, «la politica Ue sulla pesca è sbagliata. Ci chiedono di ridurre lo sforzo di pesca, ma non si riduce il pescato importato. Abbiamo di fronte a noi 30 milioni di euro di fondi Fearp per programmare il futuro della pesca marchigiana: insieme a voi elaboreremo la strategia migliore».

Caro gasolio, sciopero dei pescherecci

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.