alluvione,-il-fisico-e-divulgatore-andrea-corigliano-spiega-la-dinamica-dell'evento-–-riviera-oggi

Alluvione, il fisico e divulgatore Andrea Corigliano spiega la dinamica dell'evento – Riviera Oggi

Lo scienziato spiega la dinamica con cui si sono formati i temporali rigeneranti che hanno martoriato il territorio delle Province di Ancona e Pesaro-Urbino

Scritto da Davide Pignotti in data 16 Settembre 2022 alle 13:03

http://www.rivieraoggi.it/

«ALLUVIONE NELLE MARCHE: UNA BREVE SPIEGAZIONE SULLA DINAMICA DELL’EVENTO.

Le cronache ci riferiscono di un evento alluvionale accaduto tra il pomeriggio e la serata del 15 settembre nelle Marche dove, in poche ore, sono caduti localmente anche più di 400 millimetri di pioggia, equivalenti a 400 litri di acqua per metro quadrato. Una breve spiegazione su come si è generato l’evento tiene conto di due tasselli fondamentali: il contenuto di vapore acqueo che è la materia prima per generare le precipitazioni ed una forzante atmosferica in grado di avviare la formazione delle nubi. La prima figura mostra proprio l’incastro tra queste due tessere.

A sinistra, infatti, si può osservare il flusso di vapore acqueo a cui è stata esposta la nostra penisola proprio nella giornata di giovedì 15. La lunga banda si snoda

dal Mediterraneo occidentale fino al Mar Caspio e, assumendo il colore rosso, è indice di una condizione estrema. In altre parole, questa situazione ha comportato un trasporto eccezionale di materia prima per la formazione delle piogge. A destra, invece, è mostrato il flusso sulla superficie isobarica di 300 hPa, cioè a circa 9500 metri di quota, che è orientato da sud-ovest verso nord-est e che proprio nel pomeriggio di giovedì 15 settembre ha presentato un’accelerazione in prossimità della regione interessata dall’evento alluvionale (area in giallo).

Questo brusco aumento della velocità del flusso si è rivelata in pratica una condizione favorevole al massiccio risucchio dell’aria dai bassi strati: come ho detto anche in altre occasioni, questa situazione determina in pratica l’attivazione di un grande aspirapolvere atmosferico che incentiva il sollevamento dell’aria calda e umida, determinandone la condensazione in nubi e piogge. A tal proposito, la sequenza delle immagini satellitari ogni due ore, tra le 15:30 e le 19:30 del 15 settembre (fig. 2), mostra solo una parte dello sviluppo dei temporali rigeneranti che si sono sviluppati sulle Marche proprio a causa della dinamica appena descritta. Si tratta di temporali che si formano di continuo e rimangono stazionari fino a quando l’incastro tra le due tessere salta. L’evento può durante quindi anche 5-6 ore. Come si può osservare, la struttura temporalesca vista dall’occhio satellitare assume la forma di una V (da qui il nome V-SHAPED): sul vertice della V si verificano le precipitazioni più intense e violente, a carattere di nubifragio continuo che portano inevitabilmente a cumulate eccezionali in breve tempo» (testo e immagini: fb Andrea Corigliano).

http://www.rivieraoggi.it/

http://www.rivieraoggi.it/

Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.

http://www.rivieraoggi.it/

Alluvione nelle Marche, il pensiero di Spazzafumo: “Vicini alle famiglie colpite. Dobbiamo fare i conti con questa realtà”

Il primo cittadino: “Necessario ricominciare a gestire con oculatezza il territorio, investendo risorse per la sua manutenzione, pianificandone lo sviluppo con equilibrio e rispetto”

di Gianluigi Clementi

http://www.rivieraoggi.it/

Trent’anni fa l’alluvione a Porto d’Ascoli, un ricordo doveroso

Fu un vero disastro quello che avvenne nell’aprile 1992, una ferita che a San Benedetto brucerà sempre. Guarda il documentario di Luigi Maria Perotti

di Redazione

http://www.rivieraoggi.it/

Alluvione marzo 2011, ulteriori stanziamenti per un milione e 236 mila euro

Nel dettaglio gli ulteriori contributi attivabili sono pari a 1,212 milioni di euro per edifici residenziali e attività produttive, mentre oltre 24mila euro andranno a indennizzare danni a scorte e beni mobili strumentali

di Redazione

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.